Ostuni: la Città Bianca 

Ostuni: la Città Bianca

Ostuni è una delle città pugliesi più originali e suggestive, grazie alle sue case di un colore bianco candido dato della calce, e per questo è spesso chiamata “città bianca”.
Situata sulla sommità di tre colli, da essa è possibile godere di un magnifico panorama sulle distese verdi di ulivi secolari verso l’entroterra, e verso l’azzurro ed il blu intenso del mare Adriatico.

Nel centro storico si possono percorrere vicoli e viuzze su cui si affacciano chiese e locali caratteristici alcuni dei quali situati in vere e proprie “grotte”, dove si incontrano inebrianti sapori e profumi mediterranei.

 Il Centro di Ostuni

Il cuore della città si sviluppa intorno a piazza della Libertà, in cui sono situate molte botteghe di artigiani e dove si svolge il mercato, ed in cui si trova il monumento emblema di Ostuni, ovvero la colonna di Sant’Oronzo, vescovo martire e patrono della città, alta più di 20 metri.

Tutti gli anni, ad Agosto, nei giorni 25/26/27 si svolge una caratteristica festa patronale nel centro della città, in onore di Sant’Oronzo (26 Agosto), con la storica “cavalcata”, dove una quarantina di cavalli e cavalieri bardati scortano la statua del Santo durante la processione per le vie cittadine. La Cattedrale, intorno a cui si svolgono i festeggiamenti, che presenta un bellissimo rosone circolare, è stata edificata del nel XV secolo ed è una delle più belle testimonianze dell’arte romanica pugliese.

L’eno-gastronomia di Ostuni

Se visitate la città bianca non dovete farvi sfuggire alcune delle prelibatezze tipiche del luogo. Ostuni è la zona di produzione dell’olio extra-vergine d’oliva “Collina di Brindisi” D.O.P., un’eccellenza, che viene utilizzato moltissimo nella cucina locale, la quale valorizza sia i prodotti provenienti dalla campagna circostante che quelli provenienti dal mare. Piatti tipici sono le orecchiette stacchiodde, lle pettole, gustosissime palline di pasta lievitata e fritta da mangiare sia salate, abbinate a salumi, o zuccherate e le cicorie con le fave. Da non perdere il vino locale DOC, L’Ostuni bianco ed il rosato Ostuni Ottavianello.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *